Marina Abramovich: “Non aver paura di piangere di fronte a tutti!”

Marina Abramovich: “Non aver paura di piangere di fronte a tutti!”

Ha meditato in un abbraccio con uno scheletro, ha tagliato una stella a cinque punti con un coltello sullo stomaco, per ore ha lavato due tonnellate di ossa di manzo per ore … Le esibizioni di Marina Abramovich sono stupite, scioccate, costringendoci a piangere per l’umanità: Sia che siamo dispiaciuti per la nostra protezione, accetta la nostra protezione. Imperfezione, esponi la tua vulnerabilità?

È uno dei padroni più famosi del mondo, il suo lavoro può essere chiamato potente, duro, sbalorditivo – quali battute sono lì? Tuttavia, in un’intervista con l’editore del sito TED Helen Walters, Marina Abramovich ha improvvisamente iniziato a parlare del ruolo dell’umorismo nella sua vita. “Coloro che conoscono il mio lavoro hanno paura di conoscermi”, ride Marina. – E dopo avermi imparato, iniziano a pensare che sono divertente. Combina entrambi e il ritratto si rivelerà essere più o meno vero “. Ricorda la sua esibizione del 2005 al Museo Guggenheim di New York, durante il quale ha mangiato un chilogrammo di miele, ha bevuto un litro di vino rosso e si è scolpita nuda (1). “Ho leccato il miele”, dice Marina, “e ho guardato l’uomo di fronte a me, che ha scritto qualcosa di febbrilmente su un taccuino. Ho pensato: “Cosa scrive? Abbiamo appena iniziato!”Poi ho girato il cucchiaio e ho visto il prezzo rimasto su di esso: 9.99 dollari “.

Il suo impatto magnetico sul pubblico dura molti anni. Ciò che si stupisce sempre è la sua assoluta

disponibilità aprire a tutti e non nascondere la sua vulnerabilità. Non c’è nemmeno scelta per Abramovich qui – questo è l’unico modo in cui lo sa. “Le persone di solito cercano di mostrare la parte migliore di se stesse e nascondere tutta la loro sporcizia. E la mia idea è di esporre tutto. Le persone hanno bisogno di essere oneste con se stesse e gli altri “, dice con convinzione. “Siamo tutti imperfetti – questo è normale. Tutti abbiamo problemi – questo è normale. Piangere e mostrare le tue emozioni è normale “. La sua famosa esibizione al Museo MoMA, quando ha trascorso centinaia di ore, guardando negli occhi ciascuno della lunga vanità dei visitatori, ha avuto un enorme impatto emotivo sui partecipanti (2).

Durante la famosa esibizione “in presenza dell’artista”, che è proseguita nel Museo della MoMA per circa 2 mesi, Marina Abramovich si è seduto quotidianamente per molte ore su una sedia e ha guardato negli occhi tutti coloro che desideravano sedersi di fronte. Uno di loro era il suo ex amante, l’artista tedesco Uve Lasipen (Ulya), con i quali realizzavano molti progetti congiunti e si definivano persino una “creatura collettiva”. Il loro minuto dialogo silenzioso 22 anni dopo la separazione è diventato uno dei momenti di performance più interessanti.

Sente di aver imparato l’arte di essere vulnerabile? Marina scuote la testa. “Devo lavorarci ogni giorno. Non mi abituerò mai alle esibizioni “. Quindi aggiunge: “Ma ogni volta che penso che il fallimento sia una parte molto importante del successo. Se non conosci le sconfitte, significa che non hai fatto nulla in particolare o fai auto -repliche. E poi perdi curiosità e vitalità “. Per nutrire la forza della vita: questa è il significato della sua nuova impresa, l’Istituto di Marina Abramovich a New York. Gli studenti impareranno a guardare il mondo attraverso gli occhi di Marina. “Una delle cose importanti che vorrei esercitarmi con gli studenti è l’esercizio” non trattenere il tuo grido “. Gridare. Ma piangi davanti a tutti “.

Share this post